Proprio quando pensavamo di aver imparato la Facebook Strategy, il 12 gennaio, Mark Zuckerberg pubblica uno status in cui ci informa che Facebook darà maggiore visibilità ai post di contatti personali, amici e parenti, e meno a quella delle pagine pubbliche.

Ma che cosa significa tutto ciò?

E, sopratutto, quanto può influire su chi possiede una pagina business? 

Quali sono i contenuti che dobbiamo pubblicare per ottenere una maggiore visibilità?

Ho raccolto alcuni consigli al fine di rispondere a queste domande e aiutarti a produrre post più performanti.

Per altre notizie e suggerimenti, puoi iscriverti al mio canale Telegram “Web Social e Cultura”, dove ogni mattina posto un contenuto utile per aggiornare gli utenti sulle ultime news legate all’universo digitale.

Minore visibilità alle pagine: cosa significa?

L’economia gira e gira (anche) intorno a Facebook, che per fare più soldi… cambia l’algoritmo.

Zuckerberg, infatti, si è reso conto che l’utente non può essere bombardato giornalmente da pubblicità di ogni tipo, altrimenti molto presto sceglierà un’altra piattaforma su cui trascorrere il tempo libero.

Quindi cos’è che cambia?

Verrà dato maggiore spazio ai contenuti di utenti personali, perché questi producono interazioni tra i vari account e portano il fruitore a passare più tempo sulla piattaforma.

Perciò, verranno penalizzate le pagine business che non riescono a creare uno spazio in cui è possibile commentare, interloquire e conoscere nuove persone.

Cosa continuerà ad essere mostrato per primo?

Ci sono tre cose su cui si può fare leva per continuare ad avere una posizione di rilievo nella home page di Facebook: i Video Live, i Gruppi e gli Eventi.

Video Live o Dirette

I Video Live, ovvero le dirette permettono di generare interazioni fra gli utenti e tenerli “incollati” allo schermo.

Permettono di fidelizzare il proprio pubblico di utenza e ottenere una maggiore visibilità grazie ad alcuni applicazioni come:

  • interviste a personaggi del proprio settore, per informare gli utenti e fornire loro maggiori servizi;
  • riprese di eventi a cui non tutti possono partecipare, fornendo la possibilità di vivere ugualmente il momento;
  • anticipazioni sui prossimi progetti e lavori, per tenere aggiornato il pubblico.

Gruppi

I gruppi, secondo i nuovi algoritmi, ottengono la stessa visibilità delle interazioni fra i profili.

E’ importante, quindi, creare un gruppo all’interno del quale è possibile discutere del tema interessato e che può essere anche utile per capire l’esigenze e i desideri della community.

Eventi

Vengono privilegiati i business locali che creano eventi per coinvolgere il maggior numero di persone.

Cosa può essere dannoso per la propria pagina?

Escludendo la pubblicità invasiva, la quale andrebbe sostituita con il Native advertising, esistono altre due tipologie di contenuti da evitare… a meno di non utilizzarle davvero bene.

Sto parlando di contenuti strategici ma delicati come i link e i video (che devono essere ben fatti!).

Link

facebook linkI post link solitamente sono molto buoni per ottenere click sul proprio sito web, ma non riescono a produrre reazioni fra gli utenti.

Inoltre, almeno che non siano instant articles, il post link rimanda il fruitore su un’altra piattaforma e questo è l’ultima cosa che Facebook desidera.

Perciò, il consiglio che posso darti è quello di creare immagini di anteprima che svolgano la funziona di post e inserire il link nello status o nel primo commento.

Discorso diverso se sponsorizzi il post: allora la strategia migliore è il link cliccabile che rimanda al tuo sito o alla landing page!

Video

Sì, i video sono uno dei contenuti di maggiore visibilità, ma possono essere un’arma a doppio taglio.

Saper “registrare” un video con il nostro smartphone non significa saper creare dei prodotti che possono avere successo su Facebook, ma anzi, se il video è di pessima qualità, a livello di contenuti prima ancora che tecnica, può produrre l’effetto contrario.

Inoltre, anche se il formato video, soprattutto in diretta, ha una diffusione organica maggiore, ha bisogno di una comunque di una sponsorizzazione per raggiungere obiettivi tangibili. Dunque, si entra nel campo del vero e proprio video marketing.

video smartphone

Per altri consigli e delucidazioni, leggi gli altri articoli nel blog e iscriviti al mio canale Telegram, al gruppo Facebook e al canale YouTube!

Oppure scrivi direttamente QUI

Pin It on Pinterest