SEO Copywriting. Se non sai cos’è la SEO, puoi leggere qui e poi tornare. Altrimenti, potresti comunque farmi questa domanda:

Che cos’è il SEO Copywriting e perché è così importante?

Possiamo definire il SEO Copywriting come una forma specializzata di scrittura online, che va a intercettare e soddisfare i bisogni dell’utente, attraverso tecniche specifiche, per posizionarsi fra i primi risultati del motore di ricerca.

Scendiamo però nel dettaglio per capire meglio di cosa si tratta e perché è fondamentale per chi lavora con un blog.

Ti ricordo che, ogni mattina, posto una breve nota vocale sul mio canale Telegram “Web, Social e Cultura”inerente al mondo digitale e dalla quale si può sempre imparare qualche cosa nuova!   come funziona la seo

Le Basi del SEO Copywriting

Inutile addentrarsi nelle profondità di questa disciplina, se prima non partiamo dalle basi: title tagmeta descrizione, url, keyword. Vediamole in ordine.

Il Title Tag

Uno degli aspetti più importanti della SEO è il title tag, ovvero il titolo dell’articolo che apparirà sui motori di ricerca.

Al di là che il titolo funga da presentazione al blog e quindi da “acchiappa-utenti”, è fondamentale anche per l’ottimizzazione.

L’inserimento della parola chiave all’interno del titolo determina il posizionamento del tuo articolo nella SERP: essa deve trovarsi subito all’inizio della frase e non in fondo, perché è al primo testo visibile che viene associata maggiore rilevanza.

Lascia il nome del blog, marchi del brand e altro fuori dal titolo, a meno che non sia l’homepage ufficiale del sito.

 

La Meta Descrizione

La meta descrizione è quel breve trafiletto che appare sotto al titolo dell’articolo, nella pagina del motore di ricerca.

Non è di particolare importanza per il posizionamento, ma permette di invogliare l’utente a cliccare proprio sul nostro articolo.

Il consiglio che posso darti è quello di riassumere in due/tre righe cosa proponi nell’articolo e sottolineare all’utente che ciò che sta cercando risiede nel tuo blog, una bella call-to action.

 

La URL

URL sta per Uniform Resource Locator ed è unica per ogni pagina di ogni sito web, un po’ come le targhe delle automobili.

Anche la URL svolge una funzione di primaria importanza quando si ragiona in ottica SEO.

All’interno di essa deve essere presente la parola chiave e, soprattutto, deve essere composta da massimo 4 parole che rappresentano il contenuto dell’articolo.

Le Keyword

Scegliere con cura la parola chiave è fondamentale per la SEO Copywriting.

Diffida della “bufala della keyword density, ovvero la teoria secondo la quale più la keyword si ripete all’interno dell’articolo, più quest’ultimo potrà guadagnare i primi risultati nel motore di ricerca.

Certo, ripetere qualche volta la parola chiave è un bene, ma non bisogna cadere negli eccessi. Google opera a livelli semantici, perciò legge e capisce quello che produciamo.

Puoi utilizzare anche dei sinonimi della parola chiave, perché  verranno calcolati lo stesso e non appesantiranno la lettura.

Per sapere di più sulle keyword, leggi anche questo articolo e scopri come posizionarti tra i primi risulti di ricerca.

Metadescrizione, Title Tag, Keywords

 

Il Testo: la Giusta Sintesi fra SEO Copywriting e Lettore

Giusto parlare di tecnica e strategia, ma non dimentichiamoci di pensare all’utente.

Il testo deve essere strutturato in base alla SEO, per “piacere” ai motori di ricerca ma deve essere anche comprensibile al lettore. Uno dei punti fermi del tuo blog è quello di essere vicino all’utente e facilitargli la lettura.

Per sapere più nel dettaglio cosa intendo con “essere vicino all’utente”, puoi leggere questo articolo.

Per tornare, invece, a parlare di ottimizzazione, devi solamente tener a mente alcuni elementi: correttezza ed unicità dei contenuti, tag di intestazione e link interni ed esterni al sito.

Correttezza ed Unicità dei Contenuti

Google legge, Google sa.

Una corretta grammatica è importantissima per l’ottimizzazione, perché Google fra i primi risultati posiziona gli articoli scritti meglio… e per fare ciò legge i tuoi contenuti.

Inoltre, Google conosce ogni singolo altro articolo nel web e non è consigliabile copiare frasi già prodotte da altri.

La concorrenza è alta e prevarrà chi ha più esperienza e chi ha prodotto quei contenuti per primo.

 

Tag di Intestazione

Con tag di intestazione si intendono gli H1H2, H3, che sono rispettivamente titolo, sottotitolo, sotto-sottotitolo.

Servono a spezzare il blocco di testo ed agevolare il lettore, ma anche ad ottimizzare al meglio l’articolo.

Nei tag di intestazione, infatti, è consigliabile riprendere parte del tag title o sinonimi della parola chiave, se non la keyword stessa.

 

Link Interni ed Esterni

Sarebbe opportuno inserire sempre qualche link esterno al sito, magari citando le tue fonti o altri contenuti utili.

Inoltre, attraverso i link puoi fornire al lettore maggiori informazioni su un argomento che non hai approfondito nel tuo articolo, fornendogli un servizio in più.

I link interni, invece, sono necessari per far conoscere il tuo blog per esteso.

Un utente che si troverà a leggere un tuo lavoro potrà così facilmente saltare di articolo in articolo nel tuo sito, osservando una certa attinenza fra i contenuti.

Ciò permette di fidelizzare l’utente e far salire il tuo blog nel ranking di Google.

Keyword, link, tag di intestazione

 

Le SEO vuole le Immagini

Le immagini sono belle, sono d’impatto e sono una “pausa leggera” tra una riga e l’altra di testo.

Sono utili anche all’ottimizzazione, perché gli utenti effettuano le proprie ricerche anche in base alle immagini.

Devi, quindi, stare molto attento anche al titolo delle immagini e al loro testo alternativo (alt text).

Anche in questo caso, bisogna inserire nel testo dell’immagine una parte del titolo dell’articolo e la keyword scelta o sinonimi di quest’ultima.

 

Ottimizzare le immagini

Conclusioni

Insomma, la disciplina SEO Copywriting non è facile come sembra: attraverso questi punti potrai iniziare a destreggiarti meglio nella materia.

Gli elementi da tenere a mente sono quelli fondamentali per scalare la SERP: meta-descrizione, title tag, URL, keywords, testo ed immagini. Non sono stato abbastanza chiaro? Hai bisogno di maggiori spiegazioni?

Stai cercando un corso di formazione su web e social?

Scrivimi QUI, discutiamo insieme sul gruppo Facebook “Web, Social e Cultura” e rimani aggiornato sulle ultime novità del web sul mio canale Telegram.

Pin It on Pinterest