fbpx

Quando faccio consulenze, corsi o incontri sulla cultura digitale, sento spesso domandarmi come diventare social media manager.

Non soltanto da giovani pieni d’entusiasmo: persone di ogni età si stanno accorgendo che questo lavoro è molto richiesto sul mercato, ma soprattutto, spesso è fondamentale per gestire le proprie attività, personali e di business.

Diventare social media manager significa capire come mettere a frutto le potenzialità delle piattaforme digitali e sviluppare capacità che vanno ben oltre il semplice “pubblicare qualche foto sui social”.

In questo articolo vedremo chi è il social media manager, cosa fa, qual è il suo vero lavoro e anche quanto guadagna.

Tutto quello che leggerai è frutto della mia esperienza ultradecennale nel settore, accanto a molti colleghi e brand che mi hanno dato l’opportunità di crescere.

⠀⠀

Social Media Manager, facciamo chiarezza: chi può diventarlo?

⠀⠀

La risposta è semplice: al momento… praticamente tutti.

Quello del social media manager è un mestiere che allo stato attuale non è normato né riconosciuto a livello ufficiale, non ci sono esami da sostenere né tantomeno un ordine professionale.

Da una parte è un aspetto buono.

Non ci sono sbarramenti, puoi formarti e affermarti con il percorso che preferisci, non ci sono tasse da pagare o noiosi, lunghi anni su dei banchi davanti a te.

Del resto, come avrai capito, in questo far west ci sarà sempre chi si legge un paio di libri o compra un corso a buon mercato e pensa di “essere il social media manager perfetto”.

Magari perché poi si mette a gestire la paginetta amatoriale dell’associazione di burraco del quartiere (con tutto il rispetto per il burraco!)

Te lo dico con il cuore in mano: non fare questo errore.

Lascia perdere il “titolo professionale” e concentrati nel cercare di accumulare più esperienza sul campo possibile, anche creando direttamente progetti personali.

Studiare, frequentare corsi, informarsi tutti i giorni è fondamentale, come vedremo.

Ma niente può sostituire l’esperienza diretta di chi si mette in gioco in prima persona e si costruisce una professionalità concreta.

⠀⠀

Ma cos’è questo Social Media Marketing?

⠀⠀

Hai ragione, meglio fare un passio indietro e chiarire bene il punto fondamentale, ovvero cos’è il social media marketing.

Fare il social media manager significa avere un approccio scientifico ai social, senza trascurare la parte creativa, e trasformare le piattaforme digitali in strumenti di business reale.

Social media marketing significa questo: avere qualità tecniche, ma anche artistiche. Non si può essere “solo scienziati” oppure “solo creativi”.

Marketing è la parola più importante, non “social media”.

Marketing significa avere una strategia di ampio respiro della quale i social media sono uno dei bracci armati, e che per questo devono essere sfruttati come strumenti, cavalcando le loro caratteristiche (parte creativa) ma soprattutto analizzando, misurando, testando, sperimentando per ottenere risultati concreti (parte scientifica).

LEGGI ANCHE:
5 Consigli Per Essere Un Social Media Manager Migliore

Il social media manager sa che per raggiungere questo scopo c’è un solo segreto, ovvero sviluppare la capacità di dare agli utenti quello che si aspettano dalle piattaforme social: contenuti interessanti.

Tutta la mia vita (lavorativa e non) si basa sui contenuti.

Avere una content strategy aiuta persone, professionisti, brand e associazioni a connettersi con il proprio pubblico.

Quando apri le app dei social, cosa ti aspetti?

Di trovare foto, video, meme, immagini, quiz, articoli. Tutti lo fanno.

Tu devi inserirti in questa richiesta con i contenuti professionali adatti al tuo pubblico, per sedurlo e convincerlo e portarlo per mano verso i tuoi obiettivi di business.

⠀⠀

Cosa fa in concreto un Social media Manager?

⠀⠀

Vuoi sapere quali sono le principali attività di un social media manager?

Eccole qua:

  • Analisi. Senza non si va da nessuna parte. Ogni volta che ti occupi dei social di una realtà, devi chiederti: qual è la sua identità? Come comunica, e come deve farlo sui social? Cosa si dice in giro sul mio cliente? Quali sono i suoi rivali e come si stanno muovendo a loro volta?
  • Creazione. Qui si entra nel vivo. Dopo la fase di studio devi occuparti delle strategie, del piano editoriale e del relativo calendario editoriale, della messa a terra dei contenuti e della misurazione dei risultati
  • Pubblicità. Non pensare di potertela cavare senza investimenti. E che i tuoi clienti lo sappiano: tu e le piattaforme avete bisogno di soldi per performare alla grande. E tu devi essere nel ruolo chiave di stratega dell’impostazione delle campagne pubblicitarie.
  • Reportistica. Tutta la tua attività deve essere riportata in tabelle e grafici che il tuo cliente possa facilmente comprendere. Il valore di un social media manager non è soltanto la sua competenza, ma anche la capacità di far capire al datore di lavoro il suo lavoro, gli obiettivi raggiunti e i progressi che si fanno.

⠀⠀

cosa fa social media manager

⠀⠀

Quanti tipo di Social Media Manager esistono?

⠀⠀

Molto spesso nel tuo lavoro di Social media manager ti ritroverai a dover ricoprire tutti questi ruoli e svolgere i compiti sopra descritti, cercando di fare il massimo.

In realtà, per avere un ottimo Social Media Marketing servirebbe un team di persone fortemente specializzate e “verticali” sul singolo settore.

Pian piano ti accorgerai che alcune cose ti riusciranno meglio, senza sforzo e le farai con più piacere… altre ti daranno filo da torcere.

Niente panico, significa che potrai progressivamente specializzarti in uno di questi settori (ma non perdere di vista gli altri!)

  • Social Media Strategist – l’archietto della strategia di marketing da applicare sui social. Un vero coordinatore che decide come muoversi, come farlo e chi si deve occupare di cosa, in quali tempi e con quali obiettivi.
  • Content Manager – la figura chiave per l’ideazione, la creazione e il test dei contenuti che saranno la spina dorsale del nostro piano di marketing
  • Community Manager – il ruolo che è dedicato a curare, coinvolgere e dar dialogare il pubblico che deve diventare fedele e affezionato: commenti, messaggi, risposte, argomenti di discussione da utilizzare dentro gruppi e forum…
  • Social Media Analyst – la figura chiave per monitorare, comprendere e tradurre in forma comprensibile i numeri che sono il risultato delle nostre attività di marketing sui social. E che ci dicono come procedere.
  • Social Media Content Creator – per lei/lui grafiche, video, foto, audio non hanno segreti. Una macchina da guerra che pensa, produce e modifica al volo qualsiasi tipo di contenuti siano necessari alla strategia.
LEGGI ANCHE:
Facebook Cambia il suo Algoritmo: Cosa Succede?

So cosa stai per dire:

“Ma io lavoro con realtà piccole, piccolissime, a volte singole persone”.

Bene, questa non è una giustificazione per fare a meno di imparare ognuna di queste capacità.

Pensi che io sia arrivato dove sono senza farmi il c*** quadrato?

E detesto fare analisi, per dire. Eppure… tocca farla.

⠀⠀

5 Punti fondamentali nel lavoro di un Social Media Manager

⠀⠀

Stai iniziando a capire che quella del Social media manager è una figura fondamentale per il futuro del marketing, vero?

Bene, perché se ancora non ti è chiaro, ecco che cosa deve fare chiunque voglia diventare social media manager per realizzare gli obiettivi di business.

⠀⠀

1 – Realizzare una Strategia social media

⠀⠀

La prima, la più importante delle capacità che devi sviluppare è quella di vedere in prospettiva.

Capire i veri obiettivi di business, e capire come raggiungerli attraverso i contenuti che pubblichi, sviluppando una presenza digitale all’altezza della situazione.

Vuoi aumentare l’autorevolezza? Farti semplicemente conoscere? Vendere i prodotti su un ecommerce?

Ogni obiettivo – e ogni realtà di business – ha bisogno di una strategia, un tono di voce e dei contenuti ad hoc.

⠀⠀

2 – Rendere l’Utente il Protagonista della storia

⠀⠀

Non crederai mica di sbarcare sui social media e annoiare la gente parlando sempre e solo di te, dei tuoi prodotti, della tua azienda e quanto siete belli e bravi?

Dimentica la mentalità del secolo scorso.

Oggi gli utenti dei social, soprattutto quelli più svegli, attivi e propensi ad agire/comprare, vogliono essere messi al centro e capire cosa TU puoi fare per loro.

Lo storytelling si è rivoluzionato e le aziende si devono reinventare, soprattutto a livello di immagine.

Se vuoi diventare un buon social media manager, devi mettere gambe a questi principi.

⠀⠀

3 – Ascoltare, rispondere, interagire

⠀⠀

Non hai bisogno di utenti, non ti servono semplici fan, hai bisogno di una tribù.

Se vuoi fare il social media manager devi saper intercettare i bisogni e le aspirazioni delle persone e aggregarle attorno ai valori che tu, il tuo prodotto o la tua azienda potete esprimere.

A partire dalle parole chiave del tuo business devi monitorare conversazioni online, leggere tutto quello che viene scritto nei blog e nei social, nei forum e nei gruppi.

Una volta che hai la tua audience devi continuamente rispondere ai loro stimoli, inventare nuovi modi per far esprimere le persone in merito ai loro gusti e le loro inclinazioni, sfruttare questi feedback per migliorare e modificare i tuoi prodotti e servizi.

⠀⠀

4 – Padroneggiare la Pubblicità sui social media

⠀⠀

Lo ripeto ancora una volta: senza la pubblicità non avrai mai i risultati che meriti. Punto.

Vuoi crescere in maniera organica e gratuita? Perfetto. Hai dieci anni a disposizione e le capacità di creare grandi contenuti ogni singolo giorno?

Se la risposta è no, devi capire come tirare fuori il massimo anche da un budget risicato per fare promozione.

Creare inserzioni d’impatto, utilizzare la forza delle immagini e dei video, scrivere messaggi chiari, capire quali sono i target giusti e utilizzare ogni singola risorsa di ottimizzazione che i social ti offrono con il loro sistemi di ADS.

Anche in questo caso, i corsi sono importantissimi, ma la pratica lo è ancora di più.

LEGGI ANCHE:
People Are Media: Siamo Mezzi e Messaggio [Libro]

Nessuna teoria ti potrà preparare mai alla responsabilità di spendere per davvero soldi e dover far arrivare risultati per non sprecarli.

Quindi cerca di cominciare subito a fare pratica con le social ADS, con obiettivi concreti.

⠀⠀

5 – Monitoraggio e Aggiornamento

⠀⠀

Pensa ai brand che ti piacciono per la loro presenza social.

Ti divertono, ti incuriosiscono, hanno grandi idee per i contenuti, vero?

Bene: questo perché sanno monitorare la riuscita della presenza social e dei loro contenuti, e seguono costantemente l’evolversi del mercato e dei fatti più importanti del loro settore.

E tu dovresti essere da meno?

Certo che no, se vuoi diventare social media manager di prima categoria e valere tanto oro quanto pesi (alla fine vuoi farti pagare bene, giusto?)

Controllare gli insights di ogni piattaforma social, saper leggere i dati e capire l’andamento del tuo operato nel corso del tempo è essenziale alla riuscita della strategia.

Controllare le fonti autorevoli, leggere tantissimo e fare corsi di aggiornamento è altrettanto fondamentale.

⠀⠀

Cosa studiare: corsi per diventare social media manager

⠀⠀ ⠀⠀ ⠀⠀

Avrai capito che non esiste una forma ufficiale o un percorso diretto per potersi dire social media manager professionista.

Ormai però esistono corsi e master creati appositamente per farti sviluppare le capacità che ti ho illustrato, anche se ricorda che dimostrare la propria esperienza a volte è il miglior biglietto da visita (per me spesso è stato così).

Prima che tu me lo chieda: non serve alcun tipo di laurea per la professione di social media manager, ma certo una buona conoscenza di argomenti come marketing, psicologia e comunicazione aiuta molto.

Al momento ci sono davvero molto corsi per diventare social media manager, e l’unica raccomandazione che mi sento di farti è quella di trovare corsi accreditati che ti lasciano una certificazione o diploma per confermare le tue conoscenze, ma soprattutto che ti facciano fare tanta pratica o degli stage in aziende.

Esistono anche dei corsi post-laurea che, anche se non specificamente rivolti al social media marketing, possono darti indicazioni sul mondo digitale e come muoverti al suo interno.

⠀⠀ ⠀⠀ ⠀⠀

Lo stipendio del Social Media Manager: quanto si guadagna in questo lavoro?

⠀⠀ ⠀⠀ ⠀⠀

Attualmente si calcola che lo stipendio medio di un Social Media Manager sia di 30.000 euro lordi all’anno.

Considera che questa è la media, comunque superiore allo stipendio netto medio in Italia che si aggira sui 1500 euro netti mensili.

Un Social Media Manager può guadagnare, al minimo, circa 23 mila euro lordi all’anno, ma anche poter toccare uno stipendio di 80.000 euro lordi all’anno.

Chiaro che una bella differenza la fa essere dipendenti oppure essere freelance: il libro professionista spesso si trova a collaborare con realtà anche medio/piccole, per cui non è raro trovarsi ad avere più clienti da gestire per poter portare a casa un guadagno mensile di tutto rispetto.

Per un dipendente, la differenza è fatta dalla della seniority: un Social Media Manager di una certa anzianità professionale e con esperienza, competenze e casi di successo può anche puntare a oltre 35 mila euro lordi all’anno.

⠀⠀

Diventare social media manager: dimmi la tua

⠀⠀

Siamo arrivati alla fine di questo lungo e dettagliato articolo che spero possa averti chiarito le idee.

La professione del social media manager è perfetta per chi ha la passione per il mondo digitale e la comunicazione, per chi è portato a stabilire relazioni (anche digitali) con le persone.

Si tratta di un lavoro a volte ingrato, soprattutto quando si tratta di far capire ai clienti l’importanza di investire nella qualità e nella pubblicità, ma può regalare grandi soddisfazioni.

Fammi sapere la tua inviandomi un messaggio.

Hai bisogno di altre informazioni?

Puoi iscriverti alla Newsletter con tanti aggiornamenti settimanali, prenotare una consulenza privata con me, iscriverti al Canale Telegram dove ogni mattina regalo un contenuto utile, oppure ascoltare il mio podcast (e offrirmi un caffè)

⠀⠀

','

' ); } ?>

Pin It on Pinterest