Quando parliamo di “personal branding“, di che cosa si parla esattamente?

Cosa significa “brandizzare” se stessi, davvero?

Nella mia umile opinione, questa espressione ormai un po’ abusata si riferisce alla (buona) pratica di capire meglio chi siamo, cosa vogliamo e promuovere di conseguenza quello che rappresentiamo.

Il tuo marchio personale è la combinazione unica delle tue abilità ed esperienze.

Un personal branding efficace ti differenzia dagli altri professionisti o appassionati del tuo campo.

Siamo abituati a pensare ai marchi in relazione alle aziende e ai prodotti – pensa a Apple, Nintendo, Google, McDonald’s, Coca Cola…

Ma al giorno d’oggi, qualsiasi cosa può essere una marca. Sono certo che se pensi ad alcune persone-personaggi, il loro nome evoca in te idee precise su quello che fa, e anche sentimenti precisi (amore, odio, interesse, curiosità)

Allora, domandati: qual è il tuo personal branding?

Forse non ne sei consapevole, ma tu hai già un marchio che esiste sia online che offline.

Se non prendi il controllo del tuo personal branding online, perderai molte opportunità.

Come fare?

Ecco qui, tutta da leggere per te, la guida definitiva al personal branding!

Perché è Importante fare Personal Branding

Quando si tratta di costruire il personal branding, alcune persone considerano il processo troppo lungo o non troppo importante.

È vero: è un processo lento e laborioso.

Dovrai dedicare molto tempo ed energie al tuo personal branding.

Ma l’idea che la costruzione di un marchio personale non sia importante è falsa!

E ora ti spiego perché…

Le persone possono cercare il tuo nome su Google in ogni momento. Oppure venirti a “stanare” sui social.

Quindi, entra nell’ordine di idee che qualcuno, in ogni momento, ti sta esaminando online.

Ciò che trovano le altre persone può avere importanti implicazioni per il tuo futuro professionale e personale.

Prendi in considerazione i numeri.

Secondo CareerBuilder:

“Più della metà dei datori di lavoro non assumerà potenziali candidati senza una sorta di presenza online oggi.”

E se non stai cercando lavoro e pensi che questo non sia applicabile alla tua azienda, ripensaci.

Soprattutto se possiedi la tua attività o lavori come libero professionista:

“Oltre la metà dei consumatori ha scelto di fare affari con un freelance o un’azienda a causa di una presenza online forte e positiva.”

Se non gestisci correttamente la tua reputazione online, allora stai perdendo occasioni di lavoro ogni momento della giornata.

Ad oggi una persona media cambia lavoro ogni 2-3 anni e il 40% della forza lavoro sarà freelance entro il 2020.

Ciò significa che un marchio personale forte è più importante che mai.

In effetti, più successo si vuole avere, più diventa importante il personal branding.

Come Si Costruisce Un Personal Branding

Abbiamo stabilito che il personal branding è un procedimento che rende la tua persona un “marchio” da scegliere.

Questo significa che, esattamente come la gente preferisce questo o quel brand agli altri, anche tu sarai la somma di quello che trasmetti con quello che scrivi e pubblichi (foto, video, storie).

Quando inizi a percorrere le fasi del personal branding, è facile lasciarsi travolgere.

Ma prima di buttare il computer a terra, fai un respiro profondo.

Pensa a costruire il tuo marchio e il tuo personal branding come un processo continuo che può essere suddiviso in diverse fasi.

Non devi passare da un utente di Facebook inattivo a un influencer di alto livello su Instagram.

Questo non è un processo della durata di una notte e gli obiettivi possono essere diversi per ognuno.

Tranquillo, però!

Questo intero processo di personalizzazione può essere suddiviso in 3 fasi:

  1. Costruire un “marchio”
  2. Guadagnare credibilità e pubblico
  3. Sfruttare le opportunità di targeting

Guida definitiva per il personal branding

1° Fase del Personal Branding: Costruire Un Marchio Dalla Base

Costruisci una presenza online che rafforza le tue qualità.

Quando qualcuno vede il tuo “marchio” online, deve notare una presenza forte con nuovi contenuti di valore relativi alla tua area di competenza.

Quindi, partiamo dalle basi:

  1. Controlla i risultati della ricerca del tuo nome su Google e sui social network e scopri cosa non va e cosa invece funziona;

  2. Elimina qualsiasi contenuto che non sia adatto all’immagine che vuoi trasmettere;

  3. Inizia a definire te stesso e il tuo personal branding pensando a cosa far vedere agli altri;

  4. Crea una presenza online che rifletta il tuo ideale e la tua esperienza;

  5. Crea una strategia e rispetta le scadenze fissate;

  6. Infine, controlla periodicamente i risultati della tua ricerca per vedere se tutto fila liscio.

Prima di iniziare a costruire un personal branding, devi prima sapere dove ti trovi nei risultati di ricerca.

Googla te stesso così sai cosa gli altri vedono quando ti cercano online.

Devi conoscere tutto ciò con cui hai a che fare prima di riuscire a trovare una strategia efficace di personal branding.

Identifica quali risultati di ricerca o contenuti online allegati possono danneggiare la tua reputazione.

Una volta che sai quali tipi di risultati di ricerca sono strettamente collegati al tuo nome, puoi prendere provvedimenti per rimuoverli.

Sbarazzati di tutto ciò che non si adatta alla tua visione per il tuo marchio personale.

Questa operazione di pulizia a volte può essere difficile, anche se non sei particolarmente attivo sui social media.

Questo perché c’è sempre la possibilità che un post, un commento o un’immagine di anni fa possa tornare indietro e sabotare la tua strategia di personal branding.

Per aiutarti a eliminare ciò di sbagliato, puoi seguire questa lista e confrontarla con i post del tuo passato.

Eliminare i post che contengono:

  1. Comportamento non professionale
  2. Stile di comunicazione e linguaggio non consono

  3. Tematiche controverse o testi equivocabili

  4. Comportamento scorretto o fraintendibile

  5. Troppe uscite polarizzanti correlate a politica, religione, razza e genere

  6. Contenuti espliciti

  7. Violenza o bullismo

  8. Comportamento bigotto

Dopo aver ripulito le proprietà web e social esistenti, puoi davvero iniziare a pensare al marchio personale che stai cercando di costruire.

Crea il tuo personal branding online identificando gli elementi unici che hai.

Poniti queste domande:

  1. Chi sei?

  2. Cosa ti rende unico?

  3. Qual è la tua visione del mondo?

  4. Quale risultato vuoi raggiungere con il personal branding?

  5. Quali sono i tuoi obiettivi professionali?

  6. Chi è il tuo pubblico?
  7. Chi puoi aiutare?

  8. Come puoi aiutarli?
  9. Cosa ti rende diverso dagli altri?

  10. Cosa ti rende affidabile?

  11. Come puoi dimostrare di esserlo?

  12.  Quali sono i tuoi obiettivi a breve e a lungo termine ?

Mostra le tue abilità e quello che vuoi realizzare!

Dopo che hai finito di pensare ai tuoi obiettivi e cosa ti differenzia dagli altri è il momento di concentrarsi sulla presentazione delle tue risorse.

Puoi farlo con questi modi:

  1. Scrivi i risultati che ti rendono orgoglioso

  2. Elenca i momenti in cui altri hanno riconosciuto te e il tuo lavoro pubblicamente

  3. Pensa anche alle volte in cui altre persone hanno riconosciuto il tuo lavoro in privato

⠀⠀

Ora, devi trovare una breve descrizione del tuo marchio personale e della tua biografia, oltre a versioni più lunghe.

Utilizza queste varianti della tua biografia per i tuoi profili sui social media.

Questo è come rendere il proprio marchio coeso, ma avere ancora contenuti unici disponibili su piattaforme diverse.

Questo è interessante sia per gli utenti che per i motori di ricerca.

Per avere una forte presenza online, è necessario creare i siti e i profili che si desidera che le persone trovino.

Che aspetto ha una base solida di personal branding online?

Deve avere un sito web personale e alcuni tra i 10-12 profili professionali sui diversi social come:

LinkedIn
Twitter
Facebook
Google+
Youtube
BrandYourself
Vimeo
Tumblr
SlideShare
Instagram (mentre questo non è così forte per la ricerca di Google, è un eccellente strumento di networking e un luogo per mostrare la tua personalità, leggi questo articolo per saperne di più!)

Da qui devi poi, ottimizzare i profili per il tuo marchio personale e la tua presenza online per i motori di ricerca.

E per andare a migliorare…

  • Scrivi in ​​prima persona quando puoi

  • Usa il tuo nome completo su tutti i profili e domini (sii coerente con il nome che usi)

  • Completa tutti i profili

  • Includi la tua posizione quando possibile

  • Includi parole chiave pertinenti nei metadati

  • Approfitta dei sottotitoli h1

  • Link Building (qui l’articolo per sapere come si fa)

⠀⠀

Se vuoi maggiori informazioni sull’ottimizzazione e la SEO, leggi questo articolo.

personal branding

⠀⠀

2° Fase del Personal Branding: Guadagna Credibilità e Pubblico

Oltre alla continua creazione di contenuti che pubblichi sui siti e i profili, è fondamentale mostrare agli altri (e ai motori di ricerca) che sei rilevante e informato.

Pubblicare su piattaforme influenti e di qualità aiuta a stabilire questo tipo di credibilità.

Devi pubblicare contenuti strategici nei posti giusti.

Inizia a pubblicarli nei luoghi in cui le parti interessate nel tuo campo lo vedranno.

Che si tratti di pubblicare su LinkedIn, sul tuo sito web o un sito di nicchia dedicato a un particolare aspetto del tuo campo, fallo!

Trovando il tuo pubblico, hai l’opportunità di creare e condividere qualcosa direttamente con le persone che ne trarranno il massimo da esso.

E non avere paura di rivolgerti ad altri professionisti del settore ben noti per vedere se il vostro lavoro può apparire anche sui loro siti e profili.

Non si sa mai, questi accettino una collaborazione!

Quando si tratta di guest blogging o di creazione di nuovi contenuti per un’altra piattaforma, considera i seguenti punti:

  • Comprendi il pubblico e i contenuti in genere presenti su tale piattaforma

  • Scegli i contenuti migliori

  • Sottolinea gli aspetti di ciò che ha reso questo contenuto così buono

  • Parla con l’autore ed esegui le tue ricerche su di lui

  • Ospita tu stesso l’autore del contenuto

⠀⠀

Se vuoi vedere un esempio di guest blogging fatto da me, leggi questo articolo!

Il fatto che i tuoi contenuti vengano visualizzati altrove attraverso la pubblicazione da parte di terzi, espone il tuo marchio a un altro pubblico che potrà potenzialmente diventare anche il tuo pubblico!

Il punto centrale di tutto ciò è la visibilità e la credibilità del marchio.

3° Fase del Personal Branding: “Nutri” il Tuo Pubblico e Guadagna Opportunità

Crea contenuti unici e di alta qualità per essere sempre al centro dell’attenzione del tuo pubblico e per ottenere maggiori opportunità professionali.

Non sai mai esattamente come o quando un tuo contenuto avrà a che fare con un potenziale partner commerciale, cliente o dipendente. 

Quindi tienilo d’occhio.

Con il tuo marchio personale attivo nel tuo settore, ti puoi aprire le porte a tantissime possibilità.

Tra cui:

Collaborazioni
Lavori
Partnership
Scambi di post blog
Interviste
Mentorship
Promozioni

Rinunciare a sviluppare costantemente il proprio marchio personale e ad impegnarsi online, equivale a limitare la crescita potenziale della propria carriera.

Quando si tratta di sviluppare il tuo marchio personale, la visibilità è una necessità.

Come puoi coltivare il personal branding con tecniche avanzate di costruzione del pubblico?

Te lo spiego sotto!

Guida definitiva per il personal branding

Misure che puoi Adottare per Aumentare la tua Visibilità Online

La parola d’ordine è: collaborazione strategica con il tuo pubblico!

1. Outreach

Questo è un argomento abbastanza ampio, ma si riferisce al contatto di persone, organizzazioni, fonti di notizie, ecc. che ritieni siano interessati a te o al tuo lavoro.

L’attività di sensibilizzazione può andare dal tweet a qualcuno, all’invio di un messaggio su LinkedIn, alla chiamata telefonica, email e altro.

Il tuo obiettivo in outreach è quello di creare “brand awareness” negli altri.

2. Networking

Se fatto bene, il networking consiste nel creare una connessione sincera con un’altra persona che possa poi trasformarsi in una relazione reciprocamente vantaggiosa.

Hai già una rete, quindi quando si tratta di far crescere il tuo pubblico e creare consapevolezza del marchio personale, pensa alle persone con cui vorresti ricollegarti e alle nuove persone da portare nella tua orbita.

Ascolta realmente ciò che stanno facendo gli altri e cerca di capire di cosa hanno bisogno.

Concentrati sulla ricerca di persone che lavorano sodo e che rispetti.

3. Impegno continuo

Pubblicare contenuti di alta qualità non è sufficiente.

Per mantenere il tuo pubblico esistente interessato e attrarre più persone verso il tuo marchio, devi impegnarti regolarmente su queste piattaforme.

Rispondi nel modo migliore possibile ai commenti, alle domande e ai contenuti diretti dal pubblico.

E se noti tendenze generali nelle domande e nei post, riconoscilo e rispondi pubblicamente.

Oltre ad interagire direttamente con il tuo pubblico in crescita, coinvolgi pubblicamente persone e fonti di notizie importanti nel tuo settore.

Dal commentare gli articoli al retweeting delle persone che ammiri, è importante dimostrare che sei attivo nella conversazione che sta accadendo nel tuo settore.

4. Crea Contenuti Continuamente

Quando si tratta di sviluppare un marchio personale, aggiornare regolarmente i profili e i siti Web con nuovi contenuti è un must.

La creazione coerente di contenuti ha un impatto positivo su tre canali della strategia di personal branding complessiva:

  • Ottimizzazione del motore di ricerca;

  • Sviluppo del marchio personale;

  • Coinvolgimento e crescita del pubblico

5. Ottimizzazione per i Motori di Ricerca

Dal punto di vista SEO, i contenuti di alta qualità con cui le persone interagiscono sono fondamentali.

Nel tempo, ciò si traduce in un aumento dell’autorità del marchio personale.

I siti che i motori di ricerca considerano di “alta autorità”, superano la concorrenza.

Ciò significa che quando le persone cercano qualcosa online, è più probabile che facciano clic su tuo link, anziché su quelli che si trovano al di sotto di esso.

Soprattutto se il tuo nome significa già qualcosa per loro!

In breve:

Creazione di contenuti + ottimizzazione per i motori di ricerca + diffusione sui social media
= maggiore autorità
= migliori possibilità di ottenere pubblico
= alta probabilità di trovare persone interessate
= personal branding di successo

6. Sviluppo Del Marchio Personale

Dopo aver creato e ottimizzato una solida base di profili e siti Web, devi comunque mantenerli aggiornati.

E dovrai aggiornali di nuovi contenuti per mantenere la tua opera di personal branding nella giusta direzione.

Come fare?

Così:

  • Dimostra di essere aggiornato e influente nel tuo settore;

  • Mantieni i tuoi argomenti sempre in linea con la tua “nicchia”;

  • Rafforza i valori del tuo marchio personale con contenuti ed esempi di successo;

  • Coinvolgi e aumenta il pubblico.

7. Coltiva il Pubblico Esistente

La creazione di contenuti finalizzati al personal branding rafforza gli aspetti del tuo “marchio” che il pubblico là fuori può apprezzare.

Devi avere idee ben precise a trasmetterle attraverso scrittura, foto e video.

Devi fornire valore a chi conosci e a chi non conosci.

Così facendo, incoraggi il pubblico a interagire più frequentemente con le tua attività.

Aumenti la probabilità che chi ti segue e chi ti “trova” risponda alle tue call to action. 

Questo deve essere il tuo obiettivo principale.

La condivisione di nuovi contenuti ti dà la possibilità di vedere a cosa risponde il tuo pubblico e migliorare la tua comunicazione.

8. Espandi il tuo pubblico

I nuovi contenuti sono indispensabili per le pubblicazioni di notizie su blog e riviste.

Affrontare argomenti “freschi” o utilizzare punti di vista innovativi su argomenti noti ti mette in vetrina verso un pubblico completamente nuovo.

Aumenta le tue possibilità di essere presentato e scoperto da un nuovo pubblico anche sui social media, magari sponsorizzando quello che produci in modo mirato!

I nuovi contenuti aumentano la probabilità che il tuo pubblico attuale condivida qualcosa con potenziali nuovi membri del pubblico.

Questo è tutto sul personal branding, ma…

Se hai bisogno di maggiori chiarimenti e un aiuto materiale puoi contattarmi QUI, iscriverti al gruppo Facebook “Web, Social & Cultura” per discuterne con la community o seguirmi sul canale Telegram per rimanere sempre aggiornato sul digitale!

Pin It on Pinterest