Seleziona una pagina

Il diario personale è un ottimo alleato per l’organizzazione dei pensieri.

Fin dall’infanzia ci viene suggerito di scrivere le nostre idee, impegni e intuizioni in modo da non dimenticarli.

D’altronde si sa, verba volant scripta manent.

Per questa ragione il diario diventa il luogo in cui conservare una marea di concetti in continuo movimento nella mente.

Te lo dice uno che da anni non può iniziare la giornata senza scrivere almeno mezza pagina!

In questo articolo ti aiuterò a capire quanto è importante avere un diario intimo e attraverso alcuni suggerimenti ti consiglierò come utilizzarlo in modo efficiente.

Iniziare un diario personale: “…Ma cosa scrivo?”

Se prenderai in considerazione l’idea di scrivere un diario, allora sicuramente ti chiederai

“cosa ci posso scrivere?” 

Non disperarti, ci siamo passati tutti e soprattutto, per quanto sembri banale come strumento, non lo è affatto.

Prima di tutto, tieni a mente come il diario sia sì uno strumento universale ma anche specificatamente personale.

Che significa?

Tu crei la tua stessa agenda a tua immagine.

Altro aspetto da tener presente è l’obiettivo del diario: svuotare la tua mente dai tuoi pensieri.

Questo innescherà un processo di crescita, alleggerendo i tuoi pensieri e migliorando la tua giornata.

Dunque, il diario è personale e deve essere un dispositivo di organizzazione dei tuoi impegni ma anche dei tuoi sogni, obiettivi e tutto ciò che nella tua mente vaga in modo confusionario.

Ti suggerisco di segnare ciò che ha in qualche modo avuto importanza per te, sia in senso positivo che negativo.

Se si tratta di un avvenimento, di qualcosa che ha catturato la tua curiosità, di una preoccupazione: non esitare e metti tutto nero su bianco.

Raccogli nelle pagine del diario le tue emozioni, i tuoi impegni, le tue passioni.

Una volta scritti, pensieri e attività, ti risulteranno più chiari.

In questo modo la tua mente sarà più leggera e libera.

5 motivi per tenere un diario personale

Come già detto, l’organizzazione è fondamentale nella crescita personale.

Tenere un diario diventa quindi un modo di migliorarsi e di ottimizzare le proprie giornate.

Ecco allora 5 motivi che ti convinceranno dei benefici dell’uso di un diario.

1. Ti aiuta a conoscere meglio te stesso

Scrivere ciò che pensi ti aiuterà a conoscere meglio te stesso.

Tutte le emozioni scritte di getto nelle pagine del tuo diario personale verranno rielaborate attraverso un’indagine più approfondita.

Pensa ad un esempio pratico: la tua giornata viene cambiata da un evento, le tue sensazioni vengono alterate.

Non è sempre facile interpretare le proprie emozioni, ma scriverle ti consentirà di fissarle e analizzarle in modo più accurato.

Inoltre, conoscere cosa senti ti renderà più cosciente di te.

2. Riduce lo stress

Tenere un diario riduce lo stress.

Segnare i tuoi pensieri alleggerirà la tua mente dalle preoccupazioni e dalla necessità di ricordare.

Svuotare il cervello dagli obblighi e dalle attività ti permetterà di concentrarti maggiormente su altro.

Non dovrai più memorizzare tutti i tuoi impegni, questo ti consentirà di ridurre la pressione e il timore di dimenticare qualcosa.

L’agenda è quindi un ottimo supporto per organizzare il tuo tempo: così gestirai meglio le tue ore e non sovraccaricherai la tua giornata.

Il caos, la disorganizzazione e la confusione, infatti, sono sintomo di ansia e stress.

3. Aumenta il tuo livello di felicità

Segnare le proprie sensazioni in un diario incide inevitabilmente sul tuo livello di felicità.

In che modo?

È ormai un’abitudine vivere freneticamente, senza prestare un’eccessiva attenzione alle cose, in particolare se positive.

Spesso la positività viene data per scontata e ci si concentra maggiormente sugli aspetti negativi.

Tenere un diario e segnare le proprie sensazioni significa prestare una maggiore attenzione al proprio stato d’animo.

Concentrarsi sulle emozioni positive ti farà sentire meglio, aumentando così il tuo benessere.

4. Ti aiuta a smettere di pensare troppo

Quante volte ti fermi a pensare senza effettivamente agire?

Il pensare troppo è una problematica frequente, alimentata dallo stress e generata da pensieri confusi focalizzati su una questione specifica.

Il ruminio cerebrale è un chiodo fisso nella mente che obbliga a rimuginare continuamente.

Questo comportamento non fa altro che generare preoccupazioni sempre più astratte, impedendo al soggetto di agire con coscienza.

Cosa fare in questi casi?

Scrivere le proprie preoccupazioni nel diario personale permette di renderle più chiare, concrete e razionali.

Annotare i problemi aiuta ad affrontarli in modo più diretto, cambiando la tua prospettiva ed eliminando paure irrazionali.

5. Migliora la memoria a breve termine

Altro vantaggio del diario è il miglioramento della memoria a breve termine.

Pensa alla tua mente come un cassetto.

Più questo si riempie di informazioni, cartacce futili, meno spazio verrà riservato ai documenti di maggiore importanza.

Ciò significa che delegare la memorizzazione di impegni ad uno strumento esterno, quale il diario, ti consentirà una dedizione maggiore ad altro.

diario personale

Scrivere un diario personale per bene: 10 consigli

Non è scontato scrivere in modo efficace un diario. Affinché tu possa utilizzare al meglio questo supporto, eccoti 10 pratici consigli.

Inizia subito (senza tante cerimonie!)

Non rimandare a domani ciò che puoi fare oggi.

Comincia da subito ad annotare ciò che ritieni importante senza formalità.

Inoltre, non partire con aspettative troppo alte: inizia in piccolo e fai diventare il diario una nuova abitudine.

Crea la tua routine

Crea la tua routine: organizza il tuo tempo nel tuo diario e soprattutto ritagliati degli attimi per annotare ciò che accade.

Dedica uno spazio e un momento specifici alla scrittura dei tuoi pensieri.

Questo gesto renderà il diario un rituale, mettendoti in una condizione d’intimità e connessione intima.

Sistema uno spazio in modo da essere a tuo agio, facendo diventare la scrittura dell’agenda un momento unico e piacevole.

Scrivi di getto il tuo diario personale

Non arricchire troppo le tue annotazioni: scrivi di getto ciò che hai in mente.

Il diario ha l’obiettivo di chiarire i tuoi pensieri, edulcorarli e “abbellirli” priverà la scrittura della funzione di elaborazione.

Parla al te del futuro

Il diario è un ottimo strumento per favorire la crescita personale, un modo per migliorarsi attraverso la valorizzazione dei propri pensieri.

Per questo, scrivi al te del futuro: alimenterà i tuoi obiettivi e i tuoi sogni, dando loro la giusta importanza.

Scrivi la tua gratitudine

Spesso ci non si presta attenzione ai dettagli o non ci si sofferma a sufficienza sulle emozioni.

Annota ciò che provi nel tuo diario.

Questo gesto apparentemente semplice ti aiuterà a concentrarti sui tuoi sentimenti e sui dettagli della tua giornata.

Scrivi come ti senti, riflettendo avvenimenti, circostanze o persone che ti facciano esprimere gratitudine.

Trova delle motivazioni o dei soggetti da ringraziare attraverso le pagine del tuo diario: ti consentirà di vivere in modo più conscio e positivo le situazioni.

Leggi anche: Diario della Gratitudine, Perché è importante e idee per iniziare

Scrivi dei tuoi obiettivi sul diario personale

Scrivi i tuoi obiettivi nel tuo diario.

Individuare dei traguardi è il primo passo per poterli raggiungere.

Segnare nella tua agenda i tuoi obiettivi, anche semplici e quotidiani, è un’abitudine che cambierà radicalmente la tua prospettiva di vita.

Scrivere i propri traguardi alleggerisce la tua mente da ansie e stress.

Attraverso la scrittura ti sarà possibile visualizzare in modo più concreto la meta e, così, raggiungerla in modo più diretto e lineare.

Concentrati su quello che ti rende felice

Comprendere cosa ci rende felici è difficile, me ne rendo conto.

Come già detto, però, il diario può farti riflettere con maggiore attenzione su cosa alimenta la tua felicità.

Scrivere come ti senti sarà un ottimo modo per fare i conti con le emozioni che spesso lasci da parte.

Il confronto con i tuoi sentimenti ti farà concentrare su ciò che ti rende felice.

Pensa a cosa vorresti cambiare

Cosa vorresti cambiare? Pensare serve ad affrontare il problema ma scriverlo aiuta a rendere concreto il cambiamento.

Spesso si rischia di incappare nell’overthinking, senza agire mai effettivamente.

Annotare aiuta a razionalizzare, dunque a facilitare il processo di trasformazione.

Riconoscere i problemi è necessario per affrontarli.

Il diario personale non è un “tema scolastico”

Tieni a mente che il diario non è un “tema scolastico”.

Non è necessario l’uso di termini aulici o di una punteggiatura impeccabile.

L’agenda è una valvola di sfogo ed è personale: nelle tue parole ci sei tu.

Non c’è un modo giusto o sbagliato di esprimere ciò che si sente, obiettivo del diario è far sì che tu scriva e presti attenzione a come ti senti.

Rileggi spesso (ma non “ritoccare”)

Rileggere i propri pensieri aiuta a comprenderli meglio, interpretandoli in modo magari differente anche a distanza di tempo.

È essenziale però lasciare tutto come è stato scritto: non puoi correggere il passato, devi viverlo, però, come monito per il futuro.

Tieni a mente che se hai scritto determinati pensieri in un momento specifico, è perché li pensavi.

Giacomo Lucarini
Giacomo Lucarini

Ciao! Sono Giacomo “Giac” Lucarini. Sono un lettore compulsivo, amo il cinema d’autore e la musica lo-fi. Mi occupo di consulenza strategica personale e produzione di contenuti digitali per brand. Due carriere nate dalle passioni della mia vita, esperienze e tanto studio e lavoro. Se senti di avere bisogno di una mano per migliorare la tua vita, sei nel posto giusto!

Pin It on Pinterest

Share This