Seleziona una pagina

La consapevolezza è una capacità essenziale per ciascun individuo.

Complementare all’esperienza, consente di comprendere a fondo gli eventi, la realtà circostante e persino l’individuo stesso.

Spesso associata alla crescita, la consapevolezza gioca un ruolo fondamentale nella maturazione del soggetto.

È curioso pensare come, però, già dal secondo anno di vita, nel bambino nasca una coscienza di sé.

In quel momento comprende come i suoi sentimenti siano distinti da quelli altrui, sviluppando in un certo senso una neonata forma d’identità.

Ora, seppur sia prematuro parlare di effettiva consapevolezza nell’infanzia, è importante notare un primo collegamento.

Ciò che siamo è indissolubilmente legato a ciò che sentiamo e, riconoscere la propria posizione nel mondo e nei confronti degli altri ci identifica.

Essere consapevoli è per questo uno strumento fondamentale alla vita.

Se ti ha incuriosito l’importanza della consapevolezza, non ti resta che continuare a leggere.

In questo articolo ti parlerò proprio di questo concetto, di come essere consapevole possa migliorare la tua vita e, quindi, come poter aumentare la tua consapevolezza.

Che cos’è la consapevolezza: definizione

Ma cos’è effettivamente la consapevolezza?

Il termine denota la capacità di conoscere, avere cognizione e coscienza, in particolare di sé e delle proprie azioni.

Si tratta quindi di un’intelligenza conoscitiva nei confronti dei propri comportamenti, della loro comprensione e di come questi agiscano sugli altri.

La consapevolezza si considera così come la facoltà di comprendere, in senso lato, se stessi e ciò che ne consegue, dunque azioni e percezioni, proprie e altrui.

Estendendo questa analisi si configurano all’interno della sfera del consapevole, la conoscenza di sé, l’aver consapevolezza del proprio agire, del proprio sentire e delle loro conseguenze.

La responsabilità si costituisce come elemento affine alla consapevolezza, spesso identificato come carattere acquisito nella crescita.

Spesso, infatti, avere coscienza delle proprie azioni è indice di maturità: ne consegue il collegamento diretto tra essere consapevole e responsabile.

Quindi, l’ampio concetto di consapevolezza – nelle sue varie declinazioni – non si può non considerare come parte fondamentale nel percorso di crescita di ciascun individuo.

La coscienza di sé diventa così un tassello fondamentale per potersi migliorare ogni giorno.

Consapevolezza emotiva: perché è importante

La consapevolezza emotiva è una delle ramificazioni della cognizione del sé.

Come già detto, l’essere consapevole e quindi avere coscienza, può riguardare diversi aspetti del soggetto e della realtà.

Anche nel campo dell’emotività si sviluppano dinamiche delle quali l’individuo può – e dovrebbe – essere cosciente.

È infatti importante comprendere come ti senti al fine di conoscerti al meglio e poter intraprendere un percorso di crescita personale positivo.

Oltre che, non da sottovalutare, per vivere in modo più sereno.

La consapevolezza delle proprie emozioni è quindi un’indagine all’interno dell’individuo, una presa di coscienza del sentire.

Porsi quesiti sul proprio stato d’animo consente di conoscere aspetti del sé che potevano risultare sconosciuti fino a quel momento.

Conoscere e considerare i sentimenti è importante nell’analisi del sé, in quanto parte fondamentale di ciascun individuo.

Per capire meglio l’importanza della consapevolezza emotiva eccoti un esempio pratico.

Come puoi raggiungere un obiettivo se non lo conosci?

Secondo questo stesso principio, ti sarà difficile vivere in modo sereno se non conosci la tranquillità.

In altre parole, se non sei consapevole di come ti senti, dei tuoi comportamenti e di cosa ti rende felice, come potrai ache solo avvicinarti alla felicità?

La consapevolezza emotiva è quindi necessaria per potersi conoscere meglio e di conseguenza per vivere in modo più completo e cosciente.

Come aumentare la tua consapevolezza: 9 strategie

Ora che abbiamo analizzato l’importanza della consapevolezza…

…segui questi consigli per aumentarla.

Smetti di giudicarti

Smetti di giudicarti. Chi ha una visione troppo rigida e critica di sé e dei propri atteggiamenti, non riuscirà mai ad avere piena consapevolezza di sé.

Il giudizio inficia la capacità di constatare in modo razionale.

Infatti, giudicarti influenza negativamente la tua prospettiva.

Ne consegue come ogni tua azione venga valutata attraverso il filtro delle tue critiche.

Questo atteggiamento non ti permetterà di valorizzare le tue capacità, dunque di riconoscerle per quello che sono.

Analizza le tue emozioni

Analizzare le tue emozioni, come già detto, è necessario al fine di comprendersi meglio.

Chiediti come stai, come ti faccia sentire un determinato evento o una specifica circostanza.

Solo attraverso la coscienza dei tuoi sentimenti capirai il tuo punto di vista sulla realtà.

Ascoltarti ti consentirà di comprendere la strada migliore per te e per la tua serenità.

Leggi anche: Intelligenza Emotiva, cos’è e come ti migliora la vita

Verifica le conseguenze dei tuoi gesti

Non agire senza pensare: tutto è causa di conseguenze.

Prima accennavo al concetto di responsabilità e maturità.

Essere consapevole delle tue azioni e prevederne gli esiti sono dimostrazioni necessarie in un processo di crescita personale.

Consapevolezza significa coscienza dei propri comportamenti: è per questa ragione necessario conoscere cosa ci spinge a determinati atteggiamenti, come questi vengano percepiti e quali effetti possano produrre.

Verificare il risultato delle tue azioni ti aiuterà a prenderne coscienza, allenando la tua consapevolezza.

Non farti ingannare dall’umore

Ripeto anche nel paragrafo: Non farti ingannare dall’umore.

A chiunque può capitare una giornata no: vedi il bicchiere mezzo vuoto, tutto ti sembra grigio e ti senti senza alcuna capacità.

La consapevolezza si alimenta attraverso l’analisi razionale e, proprio per questo, è in grado di risollevarti in giornate del genere.

Anche a causa della troppa positività, la visione che hai di te può variare da momento a momento.

Ricorda che l’umore non ti definisce: vedersi in modo più o meno negativo non deve influenzare la percezione che hai di te.

Essere consapevoli significa riconoscere le proprie capacità a prescindere dalla condizione nella quale ci si trova. In un certo senso, la consapevolezza ti tiene con i piedi per terra.

Dai valore al tuo tempo

Dai valore al tuo tempo ogni giorno.

In una società iperattiva come la nostra, provare a incastrare tutti gli impegni risulta difficile.

Non sovraccaricare la tua giornata e ritagliati i giusti spazi e momenti per tutto.

Anche per te.

Riconoscere il valore del tempo è un importante segno di amor proprio.

Essere consapevoli dei propri limiti e adattare le proprie attività ai propri tempi è fondamentale.

Per questo ti consiglio di dare la giusta importanza al tuo tempo, gestendolo al meglio.

consapevolezza immagine

Fai crescere la tua consapevolezza

Far crescere la propria consapevolezza porta con sé diversi vantaggi.

Abbiamo indagato diversi modi per aumentare la coscienza di sé, ma come iniziare?

Leggi questi suggerimenti, per migliorare la tua consapevolezza.

Tieni un diario personale

Il diario personale è un ottimo metodo per allenare la propria consapevolezza.

Scrivere e prendere nota di ciò che accade aiuta a razionalizzare e rendere i pensieri più concreti. In questo modo sarà più semplice prendere coscienza delle proprie capacità.

Fai un bilancio personale periodico

Per ognuno di noi è importante tirare le somme di cosa facciamo periodicamente.

Fermati a riflettere sugli avvenimenti degli ultimi tempi, tirando le somme.

Così sarà più facile visualizzare i miglioramenti nel tempo e, quindi, acquisire poco alla volta consapevolezza nelle tue capacità.

Leggi anche: Diario personale, come scriverlo (e cosa scriverci)

Impara a (ri)conoscere cosa ti fa bene

Ascoltati e chiediti cosa ti fa stare bene.

Come già detto, se non conosci la felicità, come puoi raggiungerla?

Per questa ragione, allenati a scoprire le cose positive nella tua giornata, solo così riuscirai a comprenderti meglio.

Esci dalla comfort zone

Non chiuderti nella tua comfort zone.

Impara a riconoscere i tuoi punti di forza e di debolezza.

Una volta che avrai fatto i conti con le tue potenzialità, affronta la realtà grazie alle tue capacità.

Leggi anche: Comfort zone, cos’è e come uscirne fuori

Giacomo Lucarini
Giacomo Lucarini

Ciao! Sono Giacomo “Giac” Lucarini. Sono un lettore compulsivo, amo il cinema d’autore e la musica lo-fi. Mi occupo di consulenza strategica personale e produzione di contenuti digitali per brand. Due carriere nate dalle passioni della mia vita, esperienze e tanto studio e lavoro. Se senti di avere bisogno di una mano per migliorare la tua vita, sei nel posto giusto!

Pin It on Pinterest

Share This